Manutenzione del Territorio Rurale 2° Corso di ingegneria naturalistica

da | Mar 24, 2016 | Iniziative

Sono aperte le iscrizioni al 2^ Corso di Ingegneria Naturalistica rivolto al mondo contadino, e non solo.

Negli ultimi anni si è andato sempre più affermando il ruolo multifunzionale dell’agricoltura: occorre che chi vive in campagna si riappropri delle conoscenze “antiche”, oggi riproposte in chiave moderna dall’Ingegneria Naturalistica, intraprendendo attività di recupero, ristrutturazione, manutenzione e realizzazione delle sistemazioni idraulico-agrarie e/o idraulico-forestali, in particolare negli ambienti collinari, al fine di poter meglio tutelare e difendere il proprio territorio, incrementandone la resilienza.
Questi i presupposti di una corretta gestione del territorio, con particolare attenzione ai problemi di dissesto idrogeologico che sempre maggiormente affliggono i nostri suoli e per i quali l’Ingegneria Naturalistica può fornire alcune tecniche appropriate dirette alla ricostruzione della copertura vegetale e ad assicurare la stabilità dei versanti.

Dopo il grande successo della prima edizione del Corso di Ingegneria Naturalistica “Manutenzione del territorio rurale” organizzato da ITACA-Associazione per lo sviluppo locale, si comunica l’apertura delle iscrizioni al 2^ Corso di Ingegneria Naturalistica che si svolgerà nei giorni 2 e 9 Aprile 2016.
Info: Segreteria ITACA 328 9180146; a.fabri@associazioneitaca.org  
###

Ringrazio fin d’ora per l’attenzione che vorrete prestarmi.
Distinti saluti,

Antonella Fabri
Responsabile Segreteria|Associazione ITACA
T. +390861/1751544| M. +393289180146
a.fabri@associazioneitaca.org
Sito web| Facebook

locandinaZingZnatZ2Zcorso.pdf

Pubblicato da Claudio per WWOOF Italia

Nello Staff di WWOOF Italia mi occupo fra le altre cose di comunicazione. Se hai notizie di iniziative o progetti da pubblicare contattami all'indirizzo claudio.pozzi@wwoof.it.

0 commenti

Altre notizie da WWOOF Italia

Nuovi ogm, il Parlamento europeo approva la deregolamentazione

Le 42 organizzazioni della Coalizione Italia libera da ogm (tra cui Wwf, Lipu, Legambiente, Greenpeace, Federbio, Assobio, Navdanya International) hanno espresso un profondo rammarico per il voto del Parlamento europeo sulla deregolamentazione giudicando l’eliminazione della valutazione del rischio sui nuovi ogm grave e contro gli elementi fondanti del patto europeo.

Loading