11 Maggio 2009

da | Lug 8, 2012 | Riunione di Consiglio

 

 

 

Riunione consiglio 11 Maggio 2009

 

Presenti Claudio, Valerio, Dino, Alan

 

1) Affrontata la questione orari di lavoro. Claudio spiega che dato che il rapporto fra soci del WWOOF Italia non è un rapporto lavorativo non possiamo fissare delle regole. Gli orari della collaborazione devono essere stabiliti liberamente fra host e wwoofer.

Azione: Facciamo un sintesi dell’ informazione sull’argomento e la mandiamo agli host  e ai viaggiatori per fare chiarezza.  La aggiungiamo anche alle prime

informazioni mandate ai soci quando s’iscrivono, in modo che siamo sicuri che tutti conoscano bene la situazione.

 

2) Il sito e comunicazione.

a) Aggiornare il Sito –  Alan spiega il suo ritardo nel finire il sistema di aggiornamento on-line dovuto al cambio di Hosting: l’incremento di lavoro nell’ufficio per l’aumento delle iscrizioni cui Alan deve contribuire è causa di questo ritardo. Si impegna comunque a finirlo al più presto possibile per permettere al consiglio di aggiornare le pagine, creando una pagina per le news.

b) E stato suggerito di creare una zone nel sito dove tutti possano pubblicare e modificare informazioni e creare contatti. 

Valerio suggerisce una zona Wiki.

c) Un po’ di discussione sulla presenza di liste wwoof gratis in internet .

Dino parla di avere trovato il suo annuncio wwoof con commenti da qualche parte in Internet, e ci accordiamo che c’e poco che possiamo fare in queste casi.

Si parla anche del forum aperto su Facebook da un wwoofer svedese Nikolas. Lo abbiamo contattato e lui si impegna a moderare il suo forum.

 

3 La crescita dell’ associazione.

Si parla della nuovo crescita dell’ associazione iniziata a novembre 2008 e il fatto che questo aumento mette di nuovo l’ufficio sotto una pressione di lavoro notevole. In parte la crescita è dovuta alla lista independenti ora disponibile ai soci WWOOF Italia: molti probabilmente s’iscrivono a WWOOF Italia per avere questa lista e magari non vengono neanche in Italia.  

Forse una causa è anche il fatto che tanti iscritti sono americani di origini Italiane e che ormai il passa parola è sempre più veloce:  wwoof Italia funziona, l’ Italia e un bel posto per un soggiorno,  gli host sono amichevoli e qui si mangia bene. Si decide di rivalutare la questione alla fine dell’anno con statistiche più complete.

 

4) L’assicurazione e la diaria.

Un wwoofer ha trovato sul sito una vecchia informazione sulla diaria per l’invalidità temporanea dovuto al fatto che nel sito ci sono parecchie pagine che riguardano l’assicurazione ed alcune non sono stateaggiornate. 

La diaria era eliminata dalla nostra polizza al passaggio di WWOOF Italia alla promozione sociale ma era rimasta in un frontespizio vecchio della CAES. 

E’ stato spiegato al wwoofer che questa informazione era vecchia, che la diaria non esisteva più, e che la CAES non può pagarla. 

Il wwoofer sostiene che se l’info è presente sul sito allora se non paga CAES deve pagare il wwoof. 

Secondo Valerio la denuncia del sinistro e richiesta dal rimborso/pagamento è fra CAES e il

socio e il wwoof non ha responsabilità. Se qualcosa non c’e nel contratto non ce possibilità che venga pagato.

Claudio specifica che il contratto è fra l’associazione wwoof e la CAES e non tra il singolo socio e l’assicurazione, quindi questo rimane un problema che riguarda l’associazione.

Azione: Claudio è in comunicazione con CAES per avere un Vademecum chiaro ed aggiornato: Claudio ed  Alan lavorano insieme per aggiornare le informazioni sull’assicurazione che verranno raccolte in un’unica pagina del sito.

 

3) Affrontata la situazione coordinatori.

a) Deciso che è compito dei coordinatori affrontare e risolvere i loro problemi interni.

Spetta a loro decidere come organizzare la loro comunicazione.  

Se dovranno diventare un organismo formale all’ interno dell’associazione dovranno darsi una struttura organizzativa.

E stato chiarito che attualmente il coordinatore non è una persona eletta ma uno che si autopropone per farlo. 

Dino commenta che si poiché il coordinatore ha una responsabilità notevole nel decidere sulle ammissioni di nuove aziende e un ruolo importante, l’associazione deve essere sicura che il coordinatore capisca bene il suo ruolo:  dovrebbero  essere accettate solo persone di cui possiamo avere fiducia. 

Per le valutazione dei coordinatori  Tidge è la persona più in contatto con tutti e quindi la sua opinione ha un peso.

 

b) Il questionario per nuovi host.

E stato ricordato che l’idea di un questionario per gli host è stato approvato in linea di  principio nell’ ultima assemblea ma che il questionario proposto non è stato giudicato all’altezza ed è da riformulare . 

Spetta ai coordinatori fare questo: possono lavorare attraverso il forum.

Azione: Organizzare un riunione aperta fra consiglio, coordinatori e tutti coloro che vogliano essere presenti per progredire in questa direzione. 

Si pensa ad una riunione a fine Novembre inizio Dicembre.

 

c) Dino suggerisce la possibilità che il coordinatore organizzi incontri ed eventi fra gli host nella sua zona.

 

4) Aspetti legali

Claudio ha parlato dei contatto con un avvocato tedesco che lavora in Italia: insieme stanno studiando la legislazione e argomenti correlati per il wwoof in Italia e Europa. 

La situazione Italiana è a un buon punto ma risulta che con questo lavoro possiamo fare qualcosa per la situazione europea in generale.

Il consiglio decide di continuare con questo lavoro.

 

 

5) Votazione on line e la procedura per raggiungere una decisione

C’e un po’ di opposizione a questa idea perché il web e più adatto a produrre dei documenti condivisi piuttosto che a prendere delle decisioni:  per tanti argomenti serve un buon dibattito più che una dichiarazione di voto. Dobbiamo studiare se sia possibile fare del dibattito on line.

 

6) Varie.

a) Alan chiede l’autorizzazione per spendere 450 euro per comprare la nuova versione del programma di gestione del database che  permetterà un migliore scambio delle informazioni e ci prepara per il giorno che metteremo la lista Host on line.

Accettato.

 

b) Alan parla della proposta di Pino:  il WWOOF dovrebbe comprare il suo vecchio Blackberry per darlo a Maria Jose . Pino acquisterebbe a sue spese un nuovo apparecchio per risparmiare sulle chiamate.

Si decide di contattare Maria Jose per sapere se a Lei va bene l’idea e di suggerire a Pino di usare metodi meno costosi per le telefonate per WWOOF:

per esempio di usare il conto skype dell’associazione  e usare il telefono fisso piuttosto del cellulare visto che la maggior parte degli host ne sono dotati.

0 commenti

Altre notizie da WWOOF Italia

Loading