cosa aspettarsi da un host

da | Ago 20, 2011 | Uncategorised

 

Cosa mi devo aspettare da un host?
Dovrebbe condividere con voi alloggio e vitto: la disponibilità degli spazi e le abitudini alimentari variano a seconda della fattoria che visitate. La maggior parte delle aziende hanno una stanza per i WWOOFers, ma alcune potranno sistemarti in tenda, altre potrebbero chiederti di portarne una. E’ utile portare un sacco a pelo. Se avete delle richieste dietetiche particolari (per es. vegetariane) o delle allergie (per es. agli animali) è meglio trovarsi d’accordo prima di partire. Il vostro host dovrebbe stare con voi il più possibile e dovrebbe insegnarvi qualcosa sulla produzione e sulla vita rurale raccontandovi il perché delle sue scelte. E’ molto probabile che vi troverete a fare qualcosa da soli e qualche lavoro potrà apparirvi noioso, è uno degli aspetti dell’agricoltura naturale: lo Zen e l’arte del diserbo manuale! Chiedete al vostro host le attività che sono previste per il periodo di vostro interesse. Se, per qualche ragione, la relazione non funzionasse parlatene con il vostro host: se non riuscite a raggiungere una soluzione non siete obbligati a restare. Sarebbe interessante conscere il vostro punto di vista su questo argomento.

    in su  
 

 

 

 

Pubblicato da Claudio per WWOOF Italia

Nello Staff di WWOOF Italia mi occupo fra le altre cose di comunicazione. Se hai notizie di iniziative o progetti da pubblicare contattami all'indirizzo claudio.pozzi@wwoof.it o chiama al 3510810820

0 commenti

Altre notizie da WWOOF Italia

Una opportunità a Montieri (GR)

“A single o coppie, dotati di automezzo, amanti del silenzio e della natura selvaggia, offro appartamento completamente ammobiliato e attrezzato e la facoltà di coltivare e fruire di un orto di 500 mq in una casa colonica molto isolata nel comune di Montieri (GR), in cambio di 7 ore settimanali di assistenza a persona anziana che vive in appartamento limitrofo. (Wifi rapidissimo).“

Estate 2022 – Fattoria il Rosmarino – Marcon, Venezia

Mettiamo a disposizione un’area di 18 ettari già condotta con metodo biologico, dove incrementare le strutture esistenti per
adeguarle alle nuove necessità.

L’agricoltura è definita legalmente “SETTORE PRIMARIO”, anche se ce l’hanno fatta percepire come l’ultimo dei bisogni, poiché il
diritto a sfamarsi non può essere negato a nessuno.

Questa REALTÀ AGRICOLA è la vera scelta che abbiamo deciso di perseguire.

Loading