Agosto 2016 Vestire consapevole

da | Ago 13, 2016 | Notizie

Tutti i colori del mondo senza sfruttamento e sopraffazione

Vestire consapevole

Nel 2013 alla Cooperativa Raggio Verde Onlus di Cossato (BI) WWOOF Italia ha commissionato la preparazione di 1500 magliette e 750 borse in purissimo cotone biologico, impreziositi dalla stampa di un acquerello creato per l’occasione dai nostri Soci Suzie e Phelan Black.

Chi indossa e utilizza questi capi contribuisce allo sviluppo di coltivazioni biologiche delle piante da fibra e alla costruzione di una filiera solidale per la trasformazione in manufatti che durano nel tempo.

L’Associazione WWOOF Italia mette a disposizione gratuitamente il lavoro organizzativo e promozionale dell’iniziativa.

Produttori del Tanzania 

La materia prima è cotone prodotto con metodi di coltivazione biologica, il che significa garantire rispetto dell’ambiente, salute dei lavoratori ed benessere dei consumatori. BEcotton acquista le materie prime da produttori di commercio equo e segue poi la trasformazione in Italia.

Artigiani di Biella

Scegliendo piccoli produttori, artigiani e cooperative sociali, il prodotto BEcotton “racconta” ogni fase della sua lavorazione con una filiera “tracciata” e trasparente.

La storia di un prodotto è parte integrante del prodotto stesso.

 

Per ordinare magliette o borse clicca sul

http://www.wwoof.it/it/bacheca/made-in-italy-made-in-world.html

 

 

Pubblicato da Bridget per WWOOF Italia

0 commenti

Altre notizie da WWOOF Italia

Una opportunità a Montieri (GR)

“A single o coppie, dotati di automezzo, amanti del silenzio e della natura selvaggia, offro appartamento completamente ammobiliato e attrezzato e la facoltà di coltivare e fruire di un orto di 500 mq in una casa colonica molto isolata nel comune di Montieri (GR), in cambio di 7 ore settimanali di assistenza a persona anziana che vive in appartamento limitrofo. (Wifi rapidissimo).“

Estate 2022 – Fattoria il Rosmarino – Marcon, Venezia

Mettiamo a disposizione un’area di 18 ettari già condotta con metodo biologico, dove incrementare le strutture esistenti per
adeguarle alle nuove necessità.

L’agricoltura è definita legalmente “SETTORE PRIMARIO”, anche se ce l’hanno fatta percepire come l’ultimo dei bisogni, poiché il
diritto a sfamarsi non può essere negato a nessuno.

Questa REALTÀ AGRICOLA è la vera scelta che abbiamo deciso di perseguire.

Loading