Un appello dalla Fattoria Gioia, nuovamente colpita da eventi naturali eccezionali.

da | Apr 11, 2017 | Progetti

In questi giorni ho avuto occasione di parlare con Maria José che dopo avermi parlato brevemente della situazione che stanno affrontando mi ha detto

 

il problema più grave non è l’evento naturale, per quanto invasivo o catastrofico, non è la mancanza di soldi che volendo ci sono, è l’arretratezza culturale, l’incapacità di capire degli amministratori locali che non si rendono conto dell’altissiom valore degli insediamenti agricoli nei territori marginali

E’ così che Maria Josè ha invitato WWOOF ed i suoi soci che abbiano voglia di dare un sostegno a non inviare soldi a Fattoria Gioia ma piuttosto a sostenere l’iniziativa culturale che lei considera fondamentale per un salto di paradigma: FAME d’ERBA: Musica, Arte e (agri)Cultura dall’Appennino per l’Appennino – Pescasseroli (AQ), 2-4 giugno 2017.

E’ possibile saperne qualcosa di più sulla pagina Facebook

oppure sulla pagina di Produzioni dal Basso

Su quest’ultima pagina potete partecipare direttamente alla raccolta fondi che in parte sarà comunque destinata all’acquisto di prodotti dell’Azienda Gioia.

Invitiamo chi ne ha la possibilità a voler partecipare, l’Associazione WWOOF Italia ha dato un suo primo contributo.

Pubblicato da Claudio per WWOOF Italia

Nello Staff di WWOOF Italia mi occupo fra le altre cose di comunicazione. Se hai notizie di iniziative o progetti da pubblicare contattami all'indirizzo claudio.pozzi@wwoof.it o chiama al 3510810820

0 commenti

Altre notizie da WWOOF Italia

Una opportunità a Montieri (GR)

“A single o coppie, dotati di automezzo, amanti del silenzio e della natura selvaggia, offro appartamento completamente ammobiliato e attrezzato e la facoltà di coltivare e fruire di un orto di 500 mq in una casa colonica molto isolata nel comune di Montieri (GR), in cambio di 7 ore settimanali di assistenza a persona anziana che vive in appartamento limitrofo. (Wifi rapidissimo).“

Estate 2022 – Fattoria il Rosmarino – Marcon, Venezia

Mettiamo a disposizione un’area di 18 ettari già condotta con metodo biologico, dove incrementare le strutture esistenti per
adeguarle alle nuove necessità.

L’agricoltura è definita legalmente “SETTORE PRIMARIO”, anche se ce l’hanno fatta percepire come l’ultimo dei bisogni, poiché il
diritto a sfamarsi non può essere negato a nessuno.

Questa REALTÀ AGRICOLA è la vera scelta che abbiamo deciso di perseguire.

Loading