5-8 ottobre – Cutrofiano (LE) Incontro di scambio e condivisione fra coordinatori aperto a tutti i soci di Wwoof Italia

da | Set 22, 2017 | Notizie

È un’occasione di lavoro, condivisione e svago, molto importante per armonizzare il gruppo dei coordinatori e per introdurre nuovi soci interessati a collaborare. Per partecipare prenotarsi scrivendo a info@wwoof.it

Il programma prevede per venerdì e sabato lo scambio di esperienze e la valutazione della qualità delle relazioni sul territorio da parte dei coordinatori: in questo contesto ci occuperemo anche di formazione sulla gestione delle riunioni e di eventuali conflittualità.
Momenti conviviali e di festa si inframezzeranno agli approfondimenti: movimento internazionale wwoof, continuità dei gruppi di lavoro, gestione delle emergenze (fenomeni tellurici, alluvioni) condivisione dell’esperienza di wwoofing con migranti e richiedenti asilo.
Domenica due eventi speciali: si parlerà di muretti a secco con gli amici dell’Alleanza dei Paesaggi Terrazzati (cui Wwoof Italia ha recentemente aderito) e di comunicazione con l’associazione Echis che presenterà i suoi progetti a sostegno del diritto all’informazione e alla comunicazione.
Il pomeriggio della domenica sarà dedicato alla riunione dei soci Wwoof di Puglia e Basilicata.

Pubblicato da Claudio per WWOOF Italia

Nello Staff di WWOOF Italia mi occupo fra le altre cose di comunicazione. Se hai notizie di iniziative o progetti da pubblicare contattami all'indirizzo claudio.pozzi@wwoof.it o chiama al 3510810820

0 commenti

Altre notizie da WWOOF Italia

Una opportunità a Montieri (GR)

“A single o coppie, dotati di automezzo, amanti del silenzio e della natura selvaggia, offro appartamento completamente ammobiliato e attrezzato e la facoltà di coltivare e fruire di un orto di 500 mq in una casa colonica molto isolata nel comune di Montieri (GR), in cambio di 7 ore settimanali di assistenza a persona anziana che vive in appartamento limitrofo. (Wifi rapidissimo).“

Estate 2022 – Fattoria il Rosmarino – Marcon, Venezia

Mettiamo a disposizione un’area di 18 ettari già condotta con metodo biologico, dove incrementare le strutture esistenti per
adeguarle alle nuove necessità.

L’agricoltura è definita legalmente “SETTORE PRIMARIO”, anche se ce l’hanno fatta percepire come l’ultimo dei bisogni, poiché il
diritto a sfamarsi non può essere negato a nessuno.

Questa REALTÀ AGRICOLA è la vera scelta che abbiamo deciso di perseguire.

Loading