Feedback e lamentele

da | Giu 3, 2011 | Comunicazioni dell'Associazione

 

Può succedere che, per diverse ragioni, l’esperienza di wwoofing sia per voi diversa dalle aspettative. 
Se il motivo è relativamente poco importante, cibo, ospitalità od organizzazione del lavoro diversi da ciò che vi aspettavate o se vi capita di avere una divergenza di opinioni col vostro host, ci piacerebbe ricevere i vostri commenti con una mail all’indirizzo feedback@wwoof.it 

Contatteremo la fattoria e, salvaguardando il vostro anonimato, cercheremo di far si che l’host renda migliore la sua ospitalità.

Se dovesse succedere qualcosa di più grave, se il comportamento dell’host non dovesse avere niente a che fare con lo spirito wwoof rendendo il vostro soggiorno veramente sgradevole, siete pregati di scrivere a complaint@wwoof.it. 
Ci confronteremo con l’host: al terzo reclamo grave che arriva per lo stesso motivo l’host viene escluso dalla lista. 
Prima di inviare una lamentela cercate di capire se volete commentare qualche aspetto negativo del vostro soggiorno o se c’è qualche motivo grave. Ricordate che lo scopo è far si che altri wwoofers dopo di voi non debbano avere gli stessi problemi. 
Prendiamo feedback negativi e lamentele sul serio e facciamo qualcosa per porvi rimedio.

 

Pubblicato da Claudio per WWOOF Italia

Nello Staff di WWOOF Italia mi occupo fra le altre cose di comunicazione. Se hai notizie di iniziative o progetti da pubblicare contattami all'indirizzo claudio.pozzi@wwoof.it o chiama al 3510810820

0 commenti

Altre notizie da WWOOF Italia

Una opportunità a Montieri (GR)

“A single o coppie, dotati di automezzo, amanti del silenzio e della natura selvaggia, offro appartamento completamente ammobiliato e attrezzato e la facoltà di coltivare e fruire di un orto di 500 mq in una casa colonica molto isolata nel comune di Montieri (GR), in cambio di 7 ore settimanali di assistenza a persona anziana che vive in appartamento limitrofo. (Wifi rapidissimo).“

Estate 2022 – Fattoria il Rosmarino – Marcon, Venezia

Mettiamo a disposizione un’area di 18 ettari già condotta con metodo biologico, dove incrementare le strutture esistenti per
adeguarle alle nuove necessità.

L’agricoltura è definita legalmente “SETTORE PRIMARIO”, anche se ce l’hanno fatta percepire come l’ultimo dei bisogni, poiché il
diritto a sfamarsi non può essere negato a nessuno.

Questa REALTÀ AGRICOLA è la vera scelta che abbiamo deciso di perseguire.

Loading