Visas

da | Ago 20, 2011 | Come fare

 


Although WWOOF Italia is a registered voluntary association the Italian visa authority does not have an appropriate visa category and will not issue work visas to wwoofers.
If you need a visa, which you may well not do if you are in Europe for 90 days or less, it is essential that you only request a tourism-cultural visa. We srongly advise you to check your visa requirements on the following website

 http://www.esteri.it/visti/index_eng.asp

Italian immigration law requires every person entering Italy (who is not resident in a country in the European community) to apply for a “permesso di soggiorno” within 8 days of arrival.
To do this you have to present yourself at the local police station with your passport and inform them of where you are staying and how long you will be there. This procedure is a formality and most people (holiday makers and business men on short trips) don’t bother and no one seems to mind. Unfortunately with WWOOF and the situation of voluntary “work”, not having the permesso di soggiorno could create problems so please for your own peace of mind discus this with your host and make the effort to get one.

**********

Please note. We cannot help with visa applications or write invitation letters.

Pubblicato da Claudio per WWOOF Italia

Nello Staff di WWOOF Italia mi occupo fra le altre cose di comunicazione. Se hai notizie di iniziative o progetti da pubblicare contattami all'indirizzo claudio.pozzi@wwoof.it o chiama al 3510810820

0 commenti

Altre notizie da WWOOF Italia

Una opportunità a Montieri (GR)

“A single o coppie, dotati di automezzo, amanti del silenzio e della natura selvaggia, offro appartamento completamente ammobiliato e attrezzato e la facoltà di coltivare e fruire di un orto di 500 mq in una casa colonica molto isolata nel comune di Montieri (GR), in cambio di 7 ore settimanali di assistenza a persona anziana che vive in appartamento limitrofo. (Wifi rapidissimo).“

Estate 2022 – Fattoria il Rosmarino – Marcon, Venezia

Mettiamo a disposizione un’area di 18 ettari già condotta con metodo biologico, dove incrementare le strutture esistenti per
adeguarle alle nuove necessità.

L’agricoltura è definita legalmente “SETTORE PRIMARIO”, anche se ce l’hanno fatta percepire come l’ultimo dei bisogni, poiché il
diritto a sfamarsi non può essere negato a nessuno.

Questa REALTÀ AGRICOLA è la vera scelta che abbiamo deciso di perseguire.

Loading