Intrecci da non perdere

da | Feb 21, 2012 | Corsi

Sabato 17 e Domenica 18 Marzo 2012

“Intrecci da non perdere”

Fine settimana al centro Panta Rei all’insegna della tradizione, seguiti da Dino Mengucci e Andrea Magnolini potrete incamminarvi in un viaggio tra passato e presente e recuperare o acquistare capacità e manualità perse nel tempo o dimenticate. Si tratta di lavorare insieme vimini e materiali adatti per l’intreccio, da cesti di varia forma e dimensione a lavori che danno libero sfogo alla fantasia, al gazebo vivente di panta rei.

2 giornate con due tipologie di attività diverse e possibilità di partecipare sia ad una che ad entrambe.

Per informazioni e iscrizioni: Andrea Magnolini 347 2237427 mail: magno_lini@yahoo.it
url: www.passileggerisullaterra.it

Per chi vuole fermarsi due giorni a Panta Rei

Vitto e alloggio per i due giorni al costo di 45 euro comprensivo di pernotto più colazione (il centro fornisce lenzuola e coperte, ma non gli asciugamani), un pranzo e una cena.

Pranzo o cena al costo di 15 euro a pasto (2 pasti 25 euro, pernotto più colazione e un pasto 35 euro, solo pernotto con colazione 25 euro)

Ospitalità e pasti: info@pantarei-cea.it tel e fax 0758296164 cell 3406090841 www.pantarei.it

Saluti
Sanni Mezzasoma

Pubblicato da Ale per WWOOF Italia

Contadino e Host nello Staff WWOOF Italia mi occupo della comunicazione e delle relazioni tra soci. Per contatti o per proporre nuovi contenuti webmaster@wwoof.it

0 commenti

Altre notizie da WWOOF Italia

Una opportunità a Montieri (GR)

“A single o coppie, dotati di automezzo, amanti del silenzio e della natura selvaggia, offro appartamento completamente ammobiliato e attrezzato e la facoltà di coltivare e fruire di un orto di 500 mq in una casa colonica molto isolata nel comune di Montieri (GR), in cambio di 7 ore settimanali di assistenza a persona anziana che vive in appartamento limitrofo. (Wifi rapidissimo).“

Estate 2022 – Fattoria il Rosmarino – Marcon, Venezia

Mettiamo a disposizione un’area di 18 ettari già condotta con metodo biologico, dove incrementare le strutture esistenti per
adeguarle alle nuove necessità.

L’agricoltura è definita legalmente “SETTORE PRIMARIO”, anche se ce l’hanno fatta percepire come l’ultimo dei bisogni, poiché il
diritto a sfamarsi non può essere negato a nessuno.

Questa REALTÀ AGRICOLA è la vera scelta che abbiamo deciso di perseguire.

Loading