Devo proprio rispondere?

da | Mag 8, 2023 | Come fare, Comunicazioni dell'Associazione, Vita associativa

Non è obbligo ma cortesia! E la cortesia è d’obbligo in una relazione basata sulla reciproca fiducia! 😀

Sono frequenti le rimostranze da parte di Soci WWOOFer che non ricevono risposta dagli Host. A volte sono problemi tecnici, a volte disattenzione alle date di disponibilità, spesso si tratta purtroppo di scarsa attenzione alla corrispondenza.

A tutti noi piace ricevere richieste e stabilire una relazione di fiducia con le persone a cui apriamo le porte di casa

Sappiamo che, soprattutto in periodi di grande impegno, rispondere a richieste che non possiamo accettare può sembrare faticoso: adoperarsi per manifestare attenzione ai Soci volontari è d’altra parte cosa buona e giusta.

Organizzarsi per dedicare un quarto d’ora alla settimana per cortesi risposte di diniego non è così difficile ed evita di alimentare un curriculum da Host che non risponde.

Per qualsiasi difficoltà potete sempre rivolgervi a staff@wwoof.it

Approfondimenti

Anche i WWOOFer non rispondono!

E’ sicuramente questa la prima istintiva risposta alla sollecitazione che abbiamo appena letto. Non è certo imitando i comportamenti sgraditi che si risolve il problema ma, oltretutto, dagli Host è lecito aspettarsi qualche responsabilità in più riguardo allo spirito associativo.

Cosa succede se non rispondiamo subito?

La pagina del profilo riporta le percentuali di risposta e la frequenza media con cui si risponde; è un sistema che permette ai WWOOFer di adattarsi all’idea che gli agricoltori non passano le giornate davanti al computer ma nello stesso tempo dovrebbe stimolarci a essere un po’ meno pigri: una buona cura della corrispondenza mette le basi per la qualità della relazione (e della collaborazione).

Pubblicato da Claudio per WWOOF Italia

Nello Staff di WWOOF Italia mi occupo fra le altre cose di comunicazione. Se hai notizie di iniziative o progetti da pubblicare contattami all'indirizzo claudio.pozzi@wwoof.it.

0 commenti

Altre notizie da WWOOF Italia

Nuovi ogm, il Parlamento europeo approva la deregolamentazione

Le 42 organizzazioni della Coalizione Italia libera da ogm (tra cui Wwf, Lipu, Legambiente, Greenpeace, Federbio, Assobio, Navdanya International) hanno espresso un profondo rammarico per il voto del Parlamento europeo sulla deregolamentazione giudicando l’eliminazione della valutazione del rischio sui nuovi ogm grave e contro gli elementi fondanti del patto europeo.

Loading