chiediamo l’immediata bonifica dal Mais OGM Monsanto Mon 810

da | Ago 16, 2013 | Iniziative

 

Dopo mesi di iniziative, di petizione, di raccolte firma, di mail e mobilitazioni.. finalmente il decreto che sancisce il divieto di coltivazione del famigerato Mais OGM MOnsanto Mon 810

(l’unica semente OGm autoizzata in Europa) è stato pubblicato sulla Gazzetta ufficiale

Pertanto tale divieto è Legge dello Stato.

Siamo perplessi dato che tale divieto è valido solo per 18 mesi, ma di questo ci occuperemo in seguto.. ora c’è un emergenza molto piu’ impellente..
CI SONO 6000mq DI TERRENO SEMINATO E COLTIVATO CON QUESTO MAIS OGM IN FRIULI.. E QUINDI E’ URGENTE CHE ESSI VENGANO SUBITO BONIFICATI!!!
 
VI CHIEDIAMO PERTANTO UN ULTIMO MA DECISIVO E FORTE IMPEGNO.. CHIEDIAMO A DEBORA SERRACCHIANI  (Presidente della Regione griuli venezia Giulia)
e per conoscenza all’assessore all’agricoltura del FVG
e ai comandi del Corpo Forestale dello Stato…
 
CHE VENGA EFFETTUATA L’IMMEDIATA BONIFICA DEI TERRENI CONTAMINATI CON MAI OGM MON810
 
Nel nostro blog troverete il testo che abbiamo preddisposto e gli indirizzi a cui mandarlo
 

E’ importante agire presto !!!!!!!!!!!!!!!!!!!! e dare massima diffusione all’iniziativa

Gruppo Coltivare Condividendo

www.coltivarcondividendo.blogspot.com

 

 

Pubblicato da Claudio per WWOOF Italia

Nello Staff di WWOOF Italia mi occupo fra le altre cose di comunicazione. Se hai notizie di iniziative o progetti da pubblicare contattami all'indirizzo claudio.pozzi@wwoof.it o chiama al 3510810820

0 commenti

Altre notizie da WWOOF Italia

Una opportunità a Montieri (GR)

“A single o coppie, dotati di automezzo, amanti del silenzio e della natura selvaggia, offro appartamento completamente ammobiliato e attrezzato e la facoltà di coltivare e fruire di un orto di 500 mq in una casa colonica molto isolata nel comune di Montieri (GR), in cambio di 7 ore settimanali di assistenza a persona anziana che vive in appartamento limitrofo. (Wifi rapidissimo).“

Estate 2022 – Fattoria il Rosmarino – Marcon, Venezia

Mettiamo a disposizione un’area di 18 ettari già condotta con metodo biologico, dove incrementare le strutture esistenti per
adeguarle alle nuove necessità.

L’agricoltura è definita legalmente “SETTORE PRIMARIO”, anche se ce l’hanno fatta percepire come l’ultimo dei bisogni, poiché il
diritto a sfamarsi non può essere negato a nessuno.

Questa REALTÀ AGRICOLA è la vera scelta che abbiamo deciso di perseguire.

Loading