è possibile per un minorenne fare attività di Wwoofing?

da | Ago 20, 2018 | Domande Frequenti

La partecipazione dei minori alla nostra associazione (a partire dal compimento del 16° anno di età) è limitata perché è molto importante che siano protagonisti della scelta e non “mandati” dai genitori. Queste istruzioni sono dedicate direttamente al minore interessato: Una volta che hai la certezza di aver fatto la scelta giusta, devi individuare due/tre aziende che ti interessano sulla lista disponibile ai non soci https://www.wwoof.it/it/hosts/lista inviaci il testo della loro descrizione e noi provvederemo a contattarle per capire se sono interessate ad ospitare un minore. Una volta stabilito un contatto diretto con l’azienda e sottoscritto un accordo  intervengono  i genitori che si assumono le responsabilità per qualsiasi accadimento non riconducibile alle specifiche attività di WWOOFing: a quel punto è possibile procedere all’iscrizione attraverso il nostro ufficio. Importante: inviaci anche una tua breve descrizione, perché hai interesse a fare WWOOFing, le motivazioni che ti spingono a scegliere quegli host e quale è il periodo in cui vuoi fare la tua esperienza.

Pubblicato da Claudio per WWOOF Italia

Nello Staff di WWOOF Italia mi occupo fra le altre cose di comunicazione. Se hai notizie di iniziative o progetti da pubblicare contattami all'indirizzo claudio.pozzi@wwoof.it o chiama al 3510810820

0 commenti

Altre notizie da WWOOF Italia

Una opportunità a Montieri (GR)

“A single o coppie, dotati di automezzo, amanti del silenzio e della natura selvaggia, offro appartamento completamente ammobiliato e attrezzato e la facoltà di coltivare e fruire di un orto di 500 mq in una casa colonica molto isolata nel comune di Montieri (GR), in cambio di 7 ore settimanali di assistenza a persona anziana che vive in appartamento limitrofo. (Wifi rapidissimo).“

Estate 2022 – Fattoria il Rosmarino – Marcon, Venezia

Mettiamo a disposizione un’area di 18 ettari già condotta con metodo biologico, dove incrementare le strutture esistenti per
adeguarle alle nuove necessità.

L’agricoltura è definita legalmente “SETTORE PRIMARIO”, anche se ce l’hanno fatta percepire come l’ultimo dei bisogni, poiché il
diritto a sfamarsi non può essere negato a nessuno.

Questa REALTÀ AGRICOLA è la vera scelta che abbiamo deciso di perseguire.

Loading