Hai una struttura in grado di ospitare corsi residenziali?

da | Ago 29, 2021 | richieste e offerte di lavoro

La Body Learning School è alla ricerca di una struttura nelle campagne del Centro/Nord Italia in grado di ospitare corsi rsidenziali per un massimo di 25 persone. Di seguito trovate descritte le attività e le esigenze.

“Cerchiamo una casa seminario dove svolgere fino a 12 settimane di corsi di bodywork all’anno.

La struttura dovrebbe essere idealmente in campagna, con una sala abbastanza grande per 9 o 10 lettini da massaggio.

L’attenzione ad una dieta bilanciata sarebbe un punto a favore

La scuola fa settimane di 8 giorni: si arriva il venerdì sera e si riparte il sabato successivo dopo pranzo.

Quotidianamente andrebbero organizzati colazione, pausa caffe, pranzo, pausa caffé e cena, idealmente in struttura ma eventualmente organizzabili anche in un ristorante/catering adiacente.”

Sono previsti una ventina di partecipanti alla volta (massimo 25) e la struttura dovrebbe avere camere singole o doppie per ospitarli.
Le lezioni avvengono in una stanza di 100-150mq dove poter mettere almeno 9 o 10 tavoli da massaggio.
La scuola, è internazionale quindi arrivano ragazzi dall’Italia, Francia, Germania, Inghilterra, Olanda, Stati Uniti, Russia.

Pubblicato da Claudio per WWOOF Italia

Nello Staff di WWOOF Italia mi occupo fra le altre cose di comunicazione. Se hai notizie di iniziative o progetti da pubblicare contattami all'indirizzo claudio.pozzi@wwoof.it o chiama al 3510810820

0 commenti

Altre notizie da WWOOF Italia

Una opportunità a Montieri (GR)

“A single o coppie, dotati di automezzo, amanti del silenzio e della natura selvaggia, offro appartamento completamente ammobiliato e attrezzato e la facoltà di coltivare e fruire di un orto di 500 mq in una casa colonica molto isolata nel comune di Montieri (GR), in cambio di 7 ore settimanali di assistenza a persona anziana che vive in appartamento limitrofo. (Wifi rapidissimo).“

Estate 2022 – Fattoria il Rosmarino – Marcon, Venezia

Mettiamo a disposizione un’area di 18 ettari già condotta con metodo biologico, dove incrementare le strutture esistenti per
adeguarle alle nuove necessità.

L’agricoltura è definita legalmente “SETTORE PRIMARIO”, anche se ce l’hanno fatta percepire come l’ultimo dei bisogni, poiché il
diritto a sfamarsi non può essere negato a nessuno.

Questa REALTÀ AGRICOLA è la vera scelta che abbiamo deciso di perseguire.

Loading