capre e cest tufillo

Latte di Capra & Cesti: venite a vivere a Tufillo in Abruzzo

da | Gen 10, 2022 | richieste e offerte di lavoro

Da Fonte Trocchi una offerta di inserimento lavorativo.

Fattoria Fonte Trocchi, gestito da Nicolas e Federica, propone un periodo di prova a persone interessate ad avvicinarsi sia alle attività della fattoria, sia alla riorganizzazione di un’ attività di produzione di formaggio (basata sul latte di capra prodotto da un gregge di 60 animali) gestita da Attilio, originario del paese di Tufillo. La prospettiva, se la prova va a buon fine, è quella di diventare socio lavoratore e di ricevere quindi una parte del guadagno. Il lavoro con le capre si divide tra pascolo, mungitura, pulizia della stalla e trasformazione del latte in formaggio, yogurt e gelato.

Attilio, inoltre, insegna come intrecciare rami di salice e ulivo per ottenere dei cesti utili per il trasporto e lo stoccaggio di prodotti agricoli.

La riorganizzazione dell’ attività con le capre consiste anche nell’utilizzo delle ramaglie e del fogliame che risultano dalla creazione di nuovi sentieri naturalistici per sostituire una parte del fieno necessario per le capre in certi periodi dell’ anno. Allo stesso tempo l’ effetto decespugliante delle capre al pascolo riduce il rischio della diffusione di incendi boschivi. Con la manutenzione delle fasce parafuoco attraverso il pascolo e la rotazione tra pascolo e coltivazione, le capre uniscono la gestione dei boschi con la gestione dei seminativi, creando un sistema agro-silvo-pastorale finalizzato alla ricostruzione della naturale fertilità del suolo.

Spazio al contributo economico degli amici interessati a sostenere il progetto

Il tutto necessita di alcuni investimenti per cui stiamo cercando finanziatori privati e finanziamenti pubblici. L’investimento più urgente è quello di adibire a caseificio uno spazio in paese per la produzione di formaggio, yogurt e gelato.

Le persone interessate al lavoro con le capre riceveranno, per la durata del periodo di prova, vitto e alloggio nelle strutture messe a disposizione dalla Fattoria Fonte Trocchi. A partire dal 2023, con la diversificazione dei prodotti commercializzabili (nuovi tipi di formaggio e yogurt, più gusti diversi di gelato, nuove forme di cesti) ci sarà la possibilità di più guadagno con cui prendere in affitto una casa indipendente.

Per poter formalizzare nuove attività economiche più facilmente 3 anni fa è stata costituita a Tufillo una cooperativa di comunità.

Chi tra i finanziatori privati al momento non può trasferirsi a Tufillo o non ha per ora l’ intenzione di farlo, con la partecipazione negli investimenti necessari in questo periodo si assicura un futuro in cui verrà accolto in questo luogo da una comunità di persone che non esiteranno di condividere i prodotti e i servizi legati alle possibilità che un luogo marginale come il territorio di Tufillo offre.

alcune foto del luogo che ospita i nuovi arrivati:
www.fattoriafontetrocchi.wordpress.com/fotogallery

contatti: 333 713 79 03 (Attilio), 339 527 97 65 (Federica), 350 040 13 89 (Nicolas)

Pubblicato da Claudio per WWOOF Italia

Nello Staff di WWOOF Italia mi occupo fra le altre cose di comunicazione. Se hai notizie di iniziative o progetti da pubblicare contattami all'indirizzo claudio.pozzi@wwoof.it o chiama al 3510810820

0 commenti

Trackback/Pingback

  1. Federica e Nicolas raccontano La Fattoria Fonte Trocchi | WWOOF Italia - […] dall’ attività. Sul sito di Wwoof Italia attualmente è visibile un’ annuncio (latte di capra & cesti) che da…

Altre notizie da WWOOF Italia

Una opportunità a Montieri (GR)

“A single o coppie, dotati di automezzo, amanti del silenzio e della natura selvaggia, offro appartamento completamente ammobiliato e attrezzato e la facoltà di coltivare e fruire di un orto di 500 mq in una casa colonica molto isolata nel comune di Montieri (GR), in cambio di 7 ore settimanali di assistenza a persona anziana che vive in appartamento limitrofo. (Wifi rapidissimo).“

Estate 2022 – Fattoria il Rosmarino – Marcon, Venezia

Mettiamo a disposizione un’area di 18 ettari già condotta con metodo biologico, dove incrementare le strutture esistenti per
adeguarle alle nuove necessità.

L’agricoltura è definita legalmente “SETTORE PRIMARIO”, anche se ce l’hanno fatta percepire come l’ultimo dei bisogni, poiché il
diritto a sfamarsi non può essere negato a nessuno.

Questa REALTÀ AGRICOLA è la vera scelta che abbiamo deciso di perseguire.

Loading