dal seme al pane

Dal seme al Pane – torniamo a lavorare la terra

da | Dic 1, 2023 | Bacheca Annunci, Dalle nostre reti, I Nostri Soci, Non categorizzato

Il progetto di Mondeggi bene comune che promuove l’agroecologia

Il progetto “Dal seme al pane, torniamo a lavorare la terra” è un’iniziativa portata avanti dall’associazione Mondeggi bene comune sin dal 2014. Questa organizzazione si impegna per fermare la privatizzazione dei terreni pubblici, promuovendo progetti di agroecologia sia nel territorio fiorentino che in altre parti d’Italia.


L’obiettivo della raccolta fondi è quello di acquistare una mietitrebbia e un escavatore. La mietitrebbiasarà utilizzata per raccogliere e aumentare la produzione di cereali all’interno della fattoria e dei campi circostanti. Questo permetterà di emancipare i contadini dai monoculti di vigneti e uliveti che caratterizzano la zona.
L’escavatore, invece, sarà impiegato per rimuovere le numerose pietre presenti nei campi, che attualmente vengono rimosse manualmente grazie a giornate di lavoro collettive. Inoltre, verrà utilizzato per riparare vecchie recinzioni al fine di limitare l’accesso degli ungulati, che causano danni alla produzione.


Un altro importante obiettivo di questo progetto è la costruzione di un centro di compostaggio innovativo. Questo permetterà di trasformare gli scarti della fattoria e i rifiuti domestici dei partecipanti in risorse fertilizzanti per i campi.
La campagna di raccolta fondi è attualmente in corso su Produzioni dal Basso e ha come scadenza il 27 gennaio 2024.

Per maggiori informazioni e per contribuire a questa iniziativa

mondeggi uniterra
mondeggi uniterra

Pubblicato da Claudio per WWOOF Italia

Nello Staff di WWOOF Italia mi occupo fra le altre cose di comunicazione. Se hai notizie di iniziative o progetti da pubblicare contattami all'indirizzo claudio.pozzi@wwoof.it.

0 commenti

Altre notizie da WWOOF Italia

Nuovi ogm, il Parlamento europeo approva la deregolamentazione

Le 42 organizzazioni della Coalizione Italia libera da ogm (tra cui Wwf, Lipu, Legambiente, Greenpeace, Federbio, Assobio, Navdanya International) hanno espresso un profondo rammarico per il voto del Parlamento europeo sulla deregolamentazione giudicando l’eliminazione della valutazione del rischio sui nuovi ogm grave e contro gli elementi fondanti del patto europeo.

Loading
dal seme al pane